Al momento non possiamo fare nessuna previsione .. molti dei nostri clienti ci chiedono … ” IL MERCATO IMMOBILIARE SUBIRA’ ULTERIORE RIBASSO? Possiamo solo pensare che durante 2 mesi di Lock down abbiamo dovuto riportare all’ interno dell’ambiente domestico molte attività che consideravamo deputate alla città – dal lavoro all’ attività fisica, passando per la cucina – e ci siamo accorti di vivere in case che non rispecchiano le nostre necessità: uno stimolo a cercare case più lontane dai centri urbani, dove c’è un’offerta di metrature più ampie, con giardini e terrazzi, a prezzi accessibili. Le città, fino a ieri così attrattive, ora ci sembrano gusci vuoti: le attività che davamo per scontate, come passeggiare nei parchi, bere un drink al bar, visitare un museo, andare al supermercato a qualsiasi ora del giorno e della notte, sono diventate difficili o impossibili. E se lo smartworking diventerà la norma, potrebbe addirittura non importarci più che le periferie siano ben collegate. D’altra parte, in un momento di generale incertezza, gli immobili possono anche essere un investimento attrattivo, meno soggetto alla volatilità dei mercati finanziari: un bene rifugio, soprattutto per gli italiani. Per questo, anche in questo periodo, le banche continuano a investire sul mercato immobiliare, presentando prodotti sempre più accattivanti e proponendo mutui a tasso fisso con durata trentennale anche sotto l’1%. Quindi, scrive sul Sole 24 Ore Antonio Ferrara, “può sembrare un paradosso, ma in un momento in cui molti si vedono purtroppo costretti a sospendere le rate del mutuo, non è mai stato così conveniente aprirne uno”.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contattaci
close slider
[contact-form-7 404 "Not Found"]